La Giuria è composta da:

Gastone Bai  - Presidente

Nato e residente a Sarteano, in provincia di Siena. In un primo tempo si è dedicato all'insegnamento, quindi è passato a tempo pieno alla realizzazione di sculture, ceramiche, disegni, oli. Ha creato opere appositamente studiate per spazi pubblici ed ha ottenuto ambiti premi e riconoscimenti nel corso delle numerose esposizioni cui ha partecipato in Italia e all'estero. I suoi lavori, ormai largamente noti e apprezzati, si trovano in varie città europee tra cui Zurigo, Francoforte, Friburgo, Amsterdam. Gastone Bai ha esposto a Trieste 1975, Faenza 1978, Siena 1980, Zurigo 1982, Gualdo Tadino 1983, Amsterdam 1985, Siena 1985, Zurigo 1986Friburgo 1987, Friburgo 1989, Chianciano 1989, Friburgo 1990, Sarteano 1990, Friburgo 1997, Zurigo 1998, Ginevra e Roma nel 1999.

Più recentemente, nella edizione 2015 della grande mostra di "Spoleto Arte" con altri protagonisti nomi di spicco del panorama attuale, in esposizione a cura del critico Vittorio Sgarbi.

Riferendosi alle componenti essenziali della sua impronta stilistica, viene rimarcato: "La pittura di Bai si snoda e si dipana in nome di un principio cardine, per il quale tutto è fatto di energia ed emana energia e sprigiona energia, che si propaga e si espande oltrepassando la soglia limite del confine circoscritto e delimitato dalla superficie pittorica, avvolgendo lo spettatore in una prospettiva di avvincente e intrigante orchestrazione scenica. Anche se non visibile e concretamente tangibile nel prodotto finale, l'energia insita nei dipinti si conserva intatta e rimane sempre presente e attiva, sprigionandosi a tutto tondo, con costante e continua intensità e spostando e catalizzando l'attenzione del fruitore sul piano emotivo ed emozionale, per alimentare una visione approfondita, non soltanto nell'impatto estetico, ma anche e soprattutto nell'approccio fortemente introspettivo".

Le opere realizzate da Bai si distinguono per fremente e sferzante tensione creativa e per la potente forza intrinseca di trasmissione di movimento, tramite la gamma cromatica declinata secondo le variazioni e gradazioni di sfumature tonali dalla vivace lucentezza e corposa densità. Descrivendone l'azione pittorica, è stato scritto: "L'elemento cromatico assurge a connotazione primaria distintiva e acquista un carattere suo proprio, una propria -intima- natura identificativa inconfondibile, che gli permette di utilizzare la tavolozza colorata, generando effetti di profondità scenica e infondendo plasticità tridimensionale all'intera composizione".

Carmen Sorrenti – membro

Nata a Positano da un grembo australiano ed un oncia di polline della Magna Grecia.
Come Atena, è apparsa indossando l’armatura della sua ricerca: la forza leggera di una forma essenziale.
Per onorare questa forza creativa, da bambina ha deciso che sarebbe stata attrice.
E dopo aver studiato a Londra, alla Guildhall School of Music & Drama (avendo come compagni, tra gli altri, Daniel Craig, Joseph Phiennes, Ewan McGregor…), a Tokyo, con un maestro di Teatro No, dopo aver preso parte a numerose produzioni teatrali e cinematografiche (tra gli altri, con Martin Scorsese, John Turturro, Leonardo Di Caprio, Cameron Diaz…) … è salpata col vascello della sua passione di sempre: la Pittura. Danzando sulla tela, andando a pescare, con l’assoluta libertà del colore, l’indicibile, l’immanifesto, quello che da tempo aspettava un mezzo, uno sguardo, il coraggio di un’attenzione rivolta anche su ciò che un “corpo” o una “parola” non potranno mai rendere visibile. Una rivelazione che lascia parlare il simbolo, l’archetipo.Che viaggia direttamente da una dimensione a un’altra. Dal sacro al dissacrato, dall’umano al Sovrumano, passando dalla Terra di Mezzo del Sogno. In questa ricerca, ogni passo compiuto trova il suo posto, come un puzzle d’arte e di vita.

Gabriele Valentini – membro

Gabriele Valentini, vive e lavora in Toscana. Dal 2000, anno in cui esordì come autore e regista di “Memorie Naufraghe” in occasione del XXV Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano, Gabriele Valentini ha avuto insegnanti di rilievo e fama nazionale, alcuni dei quali lo hanno poi voluto come collaboratore. È il caso di Beppe de Tomasi, per esempio, che dopo averlo conosciuto come studente al suo Corso di Regia, ha iniziato con lui una proficua collaborazione volendolo come aiuto regista. Come attore è stato diretto, tra gli altri, da Andrea Buscemi e Salvatore Lazzaro, ha lavorato con Roberto Ciufoli ed Eva Robin's. All'attività di regista ed attore si affianca anche lo studio delle dinamiche di funzionamento e gestione della complicata “macchina del teatro” attraverso un Corso di perfezionamento in organizzazione teatrale - Accademia Silvio D'Amico- numerose le collaborazioni in ambito cinematografico e per serie tv. Realizza, inoltre, cortometraggi, che ottengono premi e riconoscimenti in concorsi nazionali.

 

 

 

 

Vai all'inizio della pagina